Ti trovi in:

Home » Aree tematiche » Servizio Socio-Assistenziale » Documenti d'interesse » Piano Sociale di Comunità 2012-2013 aggiornato al 28.06.2016

Piano Sociale di Comunità 2012-2013 aggiornato al 28.06.2016

Il Piano Sociale di Comunità è lo strumento con cui sono programmate le politiche sociali per il territorio e che permette alla Comunità di rispondere al meglio ai bisogni della popolazione.

Presentazione

Il Piano Sociale di Comunità è lo strumento di programmazione delle politiche sociali del territorio di riferimento, e permette alla Comunità di rispondere ai bisogni della popolazione nel miglior modo possibile.
L’iter burocratico per l’adozione del Piano Sociale prevede la sua approvazione da parte dell’Assemblea della Comunità.
Il Piano Sociale è già stato illustrato anticipatamente alla Conferenza dei Sindaci.
Tale documento andrà a creare le basi, assieme agli altri Piani Sociali predisposti da ogni Comunità di Valle, relativamente al proprio ambito territoriale di riferimento, per la stesura del Piano Sociale Provinciale.
Si tratta di un nuovo modo di lavorare, che prevede la partecipazione attiva del territorio per l’analisi dei bisogni, per l’individuazione delle risposte più idonee e per la definizione delle priorità di intervento.
Il Piano Sociale è stato steso attraverso il lavoro complesso del Tavolo Territoriale, composto da quindici membri che rappresentano diversi settori nell'ambito della Comunità Rotaliana – Königsberg.
Nello specifico il tavolo è composto da quattro rappresentanti dei Comuni, un rappresentante per il mondo della scuola, cinque membri designati dal terzo settore sociale e dal volontariato, un membro in rappresentanza delle APSP, uno per l'Azienda Sanitaria (APSS) e uno per i sindacati.
Al tavolo sono presenti anche il responsabile del servizio Socio – Assistenziale e il Presidente della Comunità.
Da sottolineare è il forte impegno dei componenti del Tavolo, che ha dato la possibilità di definire questo documento in poco più di sette mesi, confrontandosi su difficili tematiche, e condividendo le proprie opinioni con le altre realtà presenti al tavolo stesso.
Tale condivisione e confronto sono i primi risultati positivi del Piano Sociale che rappresentano soltanto una prima fase, importantissima, per il nostro territorio.
Ringrazio sentitamente i componenti del Tavolo Territoriale, per l’impegno profuso con costanza e professionalità.
Ricordo comunque che il Piano Sociale non è un punto di arrivo, bensì l’inizio di un nuovo modo di fare welfare, che vede il coinvolgimento dal basso della popolazione, un possibile ri-orientamento delle risorse e una miglior definizione dei bisogni.
Il Presidente della Comunità Rotaliana-Königsberg
Gianluca Tait