Iter formativo

Immagine decorativa

L’iter di formazione del PTC inizia dalla stesura del documento preliminare a cura della comunità, sentite le istituzioni della valle e gli “stake holders” (persone interessate) presenti sul territorio.
Il fine è quello di definire gli indirizzi generali, le strategie e gli obiettivi che la comunità intende perseguire mediante il piano territoriale di Comunità.

Il documento preliminare è redatto in raccordo con gli strumenti di programmazione socio-economica valutando inoltre gli effetti degli strumenti di pianificazione urbanistica locali vigenti, e tenendo conto delle strategie previste nel PUP.
Una volta predisposto il documento preliminare, la comunità attiva un tavolo di confronto e consultazione al quale partecipano soggetti pubblici e associazioni portatrici di interessi nell’ambito della comunità, che saranno chiamati a concorrere alla definizione del documento.
Ad avvenuta conclusione dei tavoli la comunità approva definitivamente il documento preliminare, tenendo conto delle osservazioni e/o proposte di modifica, nonché al fine di chiarire l’evoluzione delle scelte fatte, il documento di sintesi dei risultati del tavolo.
In seguito alla redazione di questi due documenti la comunità provvede a convocare la conferenza per la stipulazione dell’accordo quadro di programma.
Alla conferenza partecipano le Amministrazioni Comunali, l’ente Parco se interessato, e la Provincia.
Ogni amministrazione partecipa con un unico rappresentante legittimato ad esprimere la volontà
dell’ente di appartenenza.
La conferenza è presieduta dal presidente della comunità, che ne coordina lo svolgimento.
Nella seduta conclusiva è approvato il documento concernente “criteri e indirizzi generali per la
formulazione del piano territoriale della comunità” quale sintesi dei contributi e delle valutazioni
emersi sulle scelte strategiche delineate nel documento preliminare. Tale documento sarà parte integrante dell’accordo di programma.
Infine, lo schema definitivo di accordo e i documenti allegati saranno trasmessi alle amministrazioni interessate che avranno 60 giorni per la sottoscrizione.
L’accordo sarà valido se stipulato dal 50 % dei Comuni rappresentativo di almeno il 50% della popolazione.
In seguito alla sottoscrizione dell’accordo-quadro di programma la comunità provvede ad elaborare il progetto di piano territoriale.
Il progetto del piano è adottato dalla Comunità e depositato per 90 giorni così come il rapporto ambientale. Durante il deposito chiunque può fare osservazioni di pubblico interesse.
Contemporaneamente al deposito il piano viene trasmesso ai comuni della comunità, agli enti parco se interessati, e agli organi e strutture provinciali che hanno tempo 120 giorni per valutare la coerenza con il PUP, con gli strumenti di pianificazione e con la programmazione di settore.
Il piano eventualmente modificato a seguito delle osservazioni è definitivamente adottato dalla comunità, se l’accoglimento delle osservazioni comporta modifiche al piano adottato, si dispone una nuova pubblicazione con termini ridotti, le osservazioni sono possibili solo sulle modifiche introdotte.
Il piano della comunità è approvato dalla Giunta Provinciale sentito il parere della struttura provinciale competente in merito alla coerenza con l’accordo quadro di programma, il parere della CUP, e le osservazioni presentate.
Il Piano viene infine pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione ed entra in vigore il giorno successivo.